londra, Senza categoria

Londrata, Episodio 3

Quella sera avevo deciso di fare un po’ di spesa insieme a Veronica, una ragazza sui 30 anni.

Riempio il carrello di pomodori, peperoni, carne, un po’ di salmone ed un paio di bottiglie di vino.

La cassiera mi chiede il documento d’identità, glielo porgo. Lei si fa il suo bel calcolo mentale, ci arriva… Ho più di vent’anni. Bene, mi può vendere gli alcolici.

“Mi serve anche il suo documento.”

Si rivolge con modo poliziesco a Veronica, che prontamente cerca il suo documento in borsa.

“Mi sa che l’ho dimenticato a casa, ho molte altre carte che provano la mia età, comunque.”

La cassiera, mettendomi gli occhi addosso, forse credendo – a questo punto – che stessi comprando alcolici per una minorenne, decide di non vendermi le bottiglie di vino.

“Mi chiami il direttore”, rispondo allora furiosamente.

Dopo circa mezz’ora di trattative col capo, le bottiglie di vino mi vengono vendute.

Veronica è più vecchia di me, di alcuni anni, glielo ripetevo ad entrambi, ma non mi credevano.

(Minuto di silenzio per le mie rughe)

londra, Senza categoria

Londrata, Episodio 2

A Natale sono tutti alla ricerca del regalo perfetto, chi lo cerca nel profumo preferito dell’amato, chi nel classico maglione a rombi della nonna, chi nella solita sciarpa modello scozzese… Anche una bella bottiglia di vino va sempre di moda. C’è chi preferisce un amaro, ma champagne e prosecco fanno sempre la loro figura… E poi, parliamoci chiaro, a tutti piacciono le bollicine. Molti non vedono l’ora di stappare la bottiglia a capodanno, facendo saltare il tappo contro il soffitto di casa, sfogandosi in un mega urlo di allegria.

Ogni anno è sempre la stessa storia, i regali si fanno last minute. La gente si accalca fino all’ultimo minuto prima della chiusura dei negozi dietro i sorrisi finti dei commessi che non vedono l’ora che la giornata finalmente finisca soprattutto quando uno dei clienti chiede:

“Posso avere una bottiglia di Prosecco? Ma francese, grazie.”.

Il commesso con fare arrendevole non replica, prende una bottiglia qualunque e la vende.

Senza categoria

Londrata

Ne ho viste molte da quando mi sono trasferita a Londra,

Sono passati circa cinque anni e ogni giorno ne succede una nuova.

Londrata è una serie virtuale, scritta ogni tanto – a caso, o quando ne ho voglia e racchiude momenti felici e tristi, vissuti in questa affascinante metropoli.

Episodio 1

La solitudine a volte ti assale nei momenti meno opportuni.

Ero sul 91, il bus che mi avrebbe portato a casa dopo una lunga giornata lavorativa. L’orologio segnava le 19.30, faceva freddo. I passeggeri passavano le mani sulla condensa per riuscire a vedere fuori qualche luce o la strada per capire a che fermata sarebbero dovuti scendere.

Molti se ne fregavano restando a leggere i loro libri o a scrollare le pagine del cellulare, ma lei restò impassibile con la testa poggiata sul finestrino.

Tutto quello che succedeva attorno non la disturbava, non sentiva la voce irritante dei bambini che urlavano, ignorava il campanello delle fermate, la signorina dell’alotoparlante… La guardai per capire se fosse viva. La sua posizione rimaneva stabile.

Pensai che stesse dormendo, ma mi sbagliavo.

D’un tratto, quando i bambini smisero di gridare lei si alzò, si tenne ad uno dei sediolini e come una diva iniziò a cantare:

All by myself
Don’t wanna be
All by myself
Anymore

La guardammo tutti sconcertati senza proferire parola.

Dopo la sua breve esibizione tornò a sedersi come era prima, con la testa poggiata sul vetro appannato.

Scesi alla mia fermata, quella capolinea e lei restò lì, da sola come aveva cantato pochi minuti prima.

Maria